navajo's tag archives

La Donna Ragno (parte 2)

L'aspetto creatore della Donna Ragno è ripreso in una versione trasmessa da Mullett, in base ai racconti del dr. Fewkes, la massima autorità sugli Hopi: "All'inizio erano soltanto in due: Tawa, il Dio Sole e la Donna Ragno, la Dea Terra. Tutti i misteri e il Potere del Mondo di Sopra appartenevano a Tawa, mentre la Donna Ragno controllava la Magia del Mondo di Sotto. Nel Mondo di Sotto, dimora degli dei, essi abitavano ed essi erano Tutto. Non c'era uomo né donna, né uccello né bestia, nessuna ...

Un grumo di sangue: idee indigene sulla fecondazione (parte 2)

Le idee mitiche e fisiologiche sul sesso come atto procreativo riflettono l'asimmetria sessuale più o meno forte all'interno delle varie società indiane. Tra i Lakota, per esempio, l'asimmetria è marcata: l'elemento maschile, lo sperma, che in generale gli indiani pensavano come un tipo particolare di sangue, era considerato il più importante nella procreazione. Nutrito dal sangue mestruale, l'elemento maschile dava origine alla vita. Non vi era alcuna idea dell'esistenza dell'ovulo. Così sembra...

Il terrore delle mestruazioni (parte 3)

Non tutte le ragazze native però erano sottoposte a trattamento così severo o così cupo come le adolescenti della Costa Nordovest. Maria Chona, Papago dell'Arizona, per esempio, raccontava: "Essi scelsero la cugina di mio padre per prendersi cura di me. Era la donna più industriosa che avevamo, sempre a correre con il cesto da carico. Quella vecchia veniva da me al buio, quando non era ancora l'alba. […] Correvamo, molto lontano attraverso la pianura e su per le montagne a prendere l'acqua e la ...

L’importanza di chiamarsi Navajo

Un penoso articolo di Ettore Livini su Repubblica dell’1 marzo 2012, ‘I Navajo sul piede di guerra. Nel mirino il brand dei jeans’, mi ha incuriosito e spinto a verificare la notizia. Dell’articolo di Livini mi limiterò a dire che, come di consueto per Repubblica e in genere la stampa italiana, a un balordo linguaggio da fumetto tipo dissotterrare l’ascia di guerra, si associa un loffio paternalismo e una sciatta mancanza di verifica della notizia. Alla fine del breve (per fortuna) articolo Livi...