management's tag archives

Quale cultura per la business anthropology?

L'antropologia culturale concepisce e studia Homo Sapiens quale produttore e utilizzatore di cultura. Concetto definito in maniera molteplice ma che oramai, dopo qualche secolo di riflessioni nell'ambito delle scienze umane e sociali, vede concreta convergenza su un significato di base, seppur articolato. Senza dover necessariamente risalire ai padri fondatori, Wiki ci viene in aiuto con la voce "cultura". Essendo l'antropologia culturale un ambito disciplinare molto ampio, esso è composto da...

L’antropologo in azienda: culture, interazioni, spazi produttivi

Lo studio dei rapporti tra espressioni culturali, comportamenti individuali e spazi sociali è da sempre al centro degli interessi dell'antropologia culturale. L'etnografia ci porta numerosi esempi di come la variabili culturali vengano trasposte negli spazi sociali da diversi gruppi umani secondo precisi dettami volti a plasmare e connotare lo spazio di vita secondo preferenze, valori, necessità materiali e simboliche. Un recente articolo di Repubblica dedicato alla crisi degli "open space" m...

Impresa come tribù. Agli albori della business anthropology italiana.

Cercando sul web ho trovato un articolo di Repubblica del 24 aprile 1987 pubblicato su Affari e Finanza con firma di Barbara Ardù. Credo sia uno dei primi contributi pubblici dove si accenna alla possibilità di applicare l'antropologia alla realtà aziendale, e compare il termine "cultura d'impresa". Notevoli gli strali lanciati da due sociologi del lavoro de La Sapienza di Roma, che ritengono l'operazione culturale tardiva e provinciale. Chi ben cominicia....e gli effetti si vedono. A venticinqu...

Antropologia e business III: il mercante e il Dragone

Una locandina del Centro Estero Veneto mi fa nascere alcune riflessioni sulle possibilità formative/applicative per gli antropologi culturali interessati alle aziende, al business e al rapporto tra cultura, economia e globalizzazione. Si tratta di una serie di quattro incontri per aziende che vogliano impostare una strategia di business in Cina. Le informazioni disponibili sono molto interessanti da una prospettiva di business anthropology (uso l'accezione inglese non per snobismo o amore per l...

L’Antropologo professionista? Un “lavoratore della conoscenza”

Utilizzare l'antropologia culturale applicata per fornire servizi di ricerca/consulenza/progettazione a diverse realtà inserisce di diritto l'antropologo professionista in quella categoria definita dei "lavoratori della conoscenza". Pensiamoci: raro che un antropologo applicato coltivi la terra (agricoltura), trasformi materia (artigianato), programmi e controlli macchine (industria). Di solito, qualsiasi sia l'ambito di applicazione, registra informazioni, le analizza, le organizza, le integra,...

bio combustibili e bio masse: quanta confusione!

Paul Bunyan su Facebook scrive "oh grazie, intanto ti faccio un paio di domande. 1) "quanto inquinamento" si crea per generare un KWh di energia elettrica utilizzando biomassa e quanto se ne crea utilizzando centrali a gas o ad altri idrocarburi (lasciamo stare per ora l'alternativa nucleare)? Il "quanto inquinamento" e' ovviamente una questione complessa e articolata. In principio si tratta non solo di quanta CO2 o polveri sottili emetto, ma anche di quanto inquinamento si genera per costruire...

Contesto culturale e mercati esteri: quale ruolo per l’antropologo culturale?

Girovagando sul web ho trovato un articolo che offre spunti per riflettere sull’antropologia del business. E’ un articolo tanto semplice quanto utile per iniziare delle valutazioni sul rapporto tra cultura (che qui si ritiene “materia” in cui gli antropologi possono dire qualcosa di rilevante, anche se non esclusivo) e attività aziendale. Nel merito, Van R. Wood si chiede quanto le aziende ritengano importante il conoscere il contesto culturale di un luogo nel valutarne le potenzialità di mercat...

Antropologia e business I

Questo post tratta del rapporto tra la conoscenza antropologica, con i suoi metodi, teorie e modelli, e il mondo delle attività economiche, delle imprese, del business in senso anglosassone. Fino a qualche decennio fa poteva non essere immediato l’associare gli antropologi, ossia studiosi di piccole comunità lontane, riti e miti, sistemi di parentela ed economie di sussistenza, con le organizzazione, le problematiche e i processi tipici delle economie industriali. Ad oggi, pare invece piuttosto ...

Due contributi per un’antropologia dell’innovazione

L'importanza di promuovere una cultura dell'innovazione  e di produrre innovazione è ormai al centro di molteplici progetti regionali, nazionali e sovranazionali (Veneto Innovazione, TINNOVA, Italia innovazione, Europa). Che l'accrescimento del benessere sociale passi attraverso questa dinamica inventiva è ormai assodato, e interi recenti settori strategici come le energie "verdi", le biotecnologie e le ICT sono nati, e si stanno sviluppando trasformando radicalmente le nostre vite, solamente gr...