innovazione's tag archives

Cultura del lavoro 3.0

Nel numero di novembre di Wired c'è una guida al fai da te 3.0. Contributo di straordinario interesse perchè mostra uno spaccato di realtà emergente che prende forma da un mix di sapere, saper fare, artigianato manuale, creatività cognitiva e orizzonte planetario. Chiamalo poco, in tempi di crisi globale e di pessimismo cosmico. Scrive Wired: Nell'era della democratizzazione dell'industria, ogni garage può diventare una fabbrica in miniatura, e ogni comune cittadino un potenziale micro-impre...

iCulture. Jobs, Apple e l’antropologia culturale.

La morte di Steve Jobs ha fatto vibrare il pianeta. Anche chi non ne aveva mai sentito parlare non può non chiedersi chi fosse colui che genera un eco planetario di tal fatta. Mia nipote di 12 anni oggi mi ha detto "io Steve Jobs non l'avevo mai sentito prima...cioè sapevo che cos'era la Apple, e mi piacerebbe un iPhone, ma Jobs non lo conoscevo...dev'essere stato una persona importante se tutti continuano a parlarne...certo che l'iPhone costa troppo!" A volte guadare la realtà attraverso gli oc...

Politica web e antropologi digitali

Domanda: come può l'antropologo professionista inserirsi in quel nuovo scenario di politica collaborativa nutrito dalla relazione tra cittadinanza e amministrazioni attraverso le rete? Un articolo di Repubblica parla di "rivoluzione democratica", utilizzando termini come wikicrazia e ricordando che il primo wiki-presidente della nuova Era Digitale è stato Barack Obama, precisando comunque che  "Va detto che i buoni risultati ottenuti finora sono stati inferiori alle enormi aspettative inizial...

L’antropologo in azienda: culture, interazioni, spazi produttivi

Lo studio dei rapporti tra espressioni culturali, comportamenti individuali e spazi sociali è da sempre al centro degli interessi dell'antropologia culturale. L'etnografia ci porta numerosi esempi di come la variabili culturali vengano trasposte negli spazi sociali da diversi gruppi umani secondo precisi dettami volti a plasmare e connotare lo spazio di vita secondo preferenze, valori, necessità materiali e simboliche. Un recente articolo di Repubblica dedicato alla crisi degli "open space" m...

L’Antropologo professionista? Un “lavoratore della conoscenza”

Utilizzare l'antropologia culturale applicata per fornire servizi di ricerca/consulenza/progettazione a diverse realtà inserisce di diritto l'antropologo professionista in quella categoria definita dei "lavoratori della conoscenza". Pensiamoci: raro che un antropologo applicato coltivi la terra (agricoltura), trasformi materia (artigianato), programmi e controlli macchine (industria). Di solito, qualsiasi sia l'ambito di applicazione, registra informazioni, le analizza, le organizza, le integra,...

Tradizione/Innovazione: un approccio evoluzionistico I

Nipote: “nonno, ma sei veramente arcaico! Lascia fare a me, che in un attimo sistemo tutto!” Nonno: “lascia stare nipote, è una vita che aggiusto questi arnesi a mano…come si è sempre fatto da prima che tu nascessi…” Nipote: “ho capito nonno, ma se adesso possiamo sistemare tutto in poco tempo usando trapano, viti autofilettanti e saldatrice, perché rimanere fermi ai metodi di una volta?!?” Nonno: “metodi antichi o non antichi, fino ad oggi hanno sempre funzionato, tanto che questi vecc...

Antropologia ecologica II: cradle to cradle

Alcuni pensatori "ecologici", antropologi inclusi, sono anti-umani (piccolo esempio). Lo sono nel senso che ritienegono Homo Sapiens Sapiens una specie che sta distruggendo il pianeta alla stregua di un cancro: il peggior animale possibile, autolesionista, perché mette in pericolo il proprio ambiente. Una specie non degna di nessuna fiducia in quanto a capacità concreta di governare, almeno in parte, il proprio sviluppo. Mosso da avidità, hybris, nessuna consapevolezza riguardo alle reali logich...

Antropologia e business I

Questo post tratta del rapporto tra la conoscenza antropologica, con i suoi metodi, teorie e modelli, e il mondo delle attività economiche, delle imprese, del business in senso anglosassone. Fino a qualche decennio fa poteva non essere immediato l’associare gli antropologi, ossia studiosi di piccole comunità lontane, riti e miti, sistemi di parentela ed economie di sussistenza, con le organizzazione, le problematiche e i processi tipici delle economie industriali. Ad oggi, pare invece piuttosto ...

Due contributi per un’antropologia dell’innovazione

L'importanza di promuovere una cultura dell'innovazione  e di produrre innovazione è ormai al centro di molteplici progetti regionali, nazionali e sovranazionali (Veneto Innovazione, TINNOVA, Italia innovazione, Europa). Che l'accrescimento del benessere sociale passi attraverso questa dinamica inventiva è ormai assodato, e interi recenti settori strategici come le energie "verdi", le biotecnologie e le ICT sono nati, e si stanno sviluppando trasformando radicalmente le nostre vite, solamente gr...

I Park Art. Antropologia urbana postmoderna.

Prendi un parcheggio. Prendi due quadri, quattro fotografie, una scultura, un monitor collegato ad un pc. Inserisci qualche euro nella fessura e ritira il biglietto. Esponilo bene in vista in un angolo del rettangolo fatto di strisce blu, al centro del quale allestisci il tuo spazio espositivo urbano temporaneo. I Park Art: idea tanto semplice quanto geniale. Stimolante analizzarla dal punto di vista antropologico, cioè da una prospettiva che veda l’uomo che usa spazi sociali normati sottopos...